Gli obblighi di formazione dei lavoratori

formazione-dei-lavoratori

 

Nel primo post di questa serie sulla “Sicurezza nel mondo del lavoro” abbiamo visto chi è il Datore di lavoro e quali sono i suoi principali obblighi.

In questo analizziamo in modo più preciso gli obblighi di formazione.

CHI DEVE FORMARE I LAVORATORI

Ogni Datore di lavoro di azienda pubblica o privata, soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore stesso (Art. 2 C. d, D.Lgs. 81/08) ha specifici obblighi di prevenzione e protezione da rischi e pericoli nell’ambito della propria organizzazione lavorativa.
Tra questi l’obbligo di INFORMARE, FORMARE E ADDESTRARE i propri lavoratori, come stabilito dal DLGS 81/08 e dalle successive indicazione dell’Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 e dal nuovissimo Accordo Stato regioni del 7 luglio 2016.

CHI DEVE ESSERE FORMATO

– Soci lavoratori;
– Lavoratori subordinati a tempo indeterminato;
– Lavoratori atipici quali: a tempo determinato, contratto temporaneo, part-time, a progetto, somministrato (Interinale), voucher,..

NON OBBLIGATI ALLA FORMAZIONE, MA FACOLTATIVO:
– Collaboratori familiari
– Lavoratori autonomi

DURATA DELLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

E’ previsto che ogni lavoratore riceva una formazione “Generale” di 4 ore (per qualsiasi azienda), alla quale si aggiunge una formazione “Specifica” di durata variabile a seconda del settore di appartenenza dell’azienda.

Di seguito uno schema riepilogativo, non esaustivo.

 

Aziende a BASSO RISCHIO

4 + 4 ore

–       Uffici (commercialisti, consulenti, assicurazioni,..),

–       Commercio al dettaglio e all’ingrosso (farmacie, erboristerie,ecc.),

–       Alimentari (rivendite, gastronomie, bar, ristoranti, trattorie,ecc.)

–       Piccoli artigiani,

–       Pubblica Amministrazione

–      Carrozzerie e riparazione veicoli (officine di riparazione, carrozzieri, ecc.),

–      Associazioni (sportive, culturali, dilettantistiche, ecc.)

–     Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere

–     Servizi degli istituti di bellezza

–       ecc.

Aziende a MEDIO RISCHIO

4 + 8 ore

–       Turismo (Alberghi, agriturismi, villaggi turistici, ostelli, ecc.),

–       Attività di trasporto e magazzinaggio (autotrasportatori, logistica, corrieri, ecc)

–       Istruzione (scuole, asili)

–       Aziende agricole, allevamenti, giardinaggio

–       Impiantisti (elettricisti, idraulici, condizionatori, tende e serramenti)

–       ecc.

Aziende ad ALTO RISCHIO

4 + 12 ore

–       Metalmeccanica

–       Edilizia (cantieri edili di ogni genere, artigiani edili, ecc)

–       Produzione (vetro, tessile, carta, ferro, plastiche, chimico, ecc.),

–       Stampa (tipografie, officine grafiche)

–       Sanità (ospedali, laboratori medici e dentistici, veterinari, laboratori di analisi, ecc)

–       Ecc.

Se volete controllare a quale fascia di rischio corrisponde esattamente la vostra impresa lo potete fare a questo link, disponendo del vostro Codice ATECO: Tabella verifica classi di rischio con codici ATECO.

AGGIORNAMENTO DELLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

Per tutti i lavoratori di qualsiasi livello di rischio, è previsto un aggiornamento quinquennale di durata minima di 6 ore.

QUANDO DEVONO ESSERE FORMATI I LAVORATORI

Gli obblighi formativi devono essere espletati (Rif. Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 e dal nuovissimo Accordo Stato regioni del 7 luglio 2016):

– se nuovi assunti, entro 60 giorni dall’assunzione;

– se già assunto e mai formato, immediatamente;

ULTERIORI OBBLIGHI DI FORMAZIONE DEI LAVORATORI 

Per rischi specifici il D.Lgs. 81/08, prevede ulteriori obblighi formativi di durata variabile. Alcuni esempi:

  • RSPP
  • Addetti al Primo soccorso
  • Addetti all’Antincendio
  • Lavoratori inquadrati come preposti
  • Lavori in quota e DPI di III° Cat.
  • Attrezzature e macchine tipo Carrelli elevatori, PLE, macchine movimento terra, trattori, ecc.

SANZIONI PER IL DATORE DI LAVORO

La sanzione prevista per l’inadempienza dei suddetti obblighi a carico del Datore di Lavoro, è l’arresto da 2 a 4 mesi o l’ammenda da 1.200 a 5.200 euro.

Ringrazio Daniela Tenca che mi ha aiutata a scrivere anche questo secondo post.

Nel prossimo passeremo all’analisi più dettagliata dei  Corsi RSPP, Addetti al Primo soccorso e Addetti all’Antincendio.

daniela tenca

 

 

Daniela Tenca

 

Consulente in materia di salute e sicurezza sul lavoro

e-mail tenca.daniela@gmail.com

 

           

 

 

 

 

 

Non esitate a scrivere commenti e domande, Daniela e io vi risponderemo.

Se invece avete la necessità di contattarmi direttamente per una consulenza, seguite il link consulenza in studio o consulenza online 

Mirna

Visualizza il profilo di Mirna Pioli su LinkedIn

 

8 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *