Il principio di competenza

competenza

 

Questo è il primo di una serie di post dedicati al Reddito di Impresa.

Tranquilli, la sezione si chiama easyfisco, quindi saranno semplici e comprensibili.

Sono rivolti alle piccole imprese, commercianti, artigiani e professionisti.

Lo scopo è quello di aiutarvi ad essere più sicuri nei comportamenti contabili e fiscali.

Logicamente non diventerete dei luminari, ma sono sicura che vi toglierete tanti piccoli dubbi per voi motivo di incertezza.

Inizierei subito con il principio fondamentale per la determinazione dei ricavi e dei costi che è il principio della competenza economica.

 

Il principio di competenza economica

E’ previsto sia all’articolo 2423-bis del Codice Civile,

precisamente al punto 3) “si deve tener conto dei proventi e degli oneri di competenza dell’esercizio, indipendentemente dalla data dell’incasso o del pagamento,

che all’articolo 109 del Testo Unico Imposte Dirette:

“I ricavi, le spese e gli altri componenti positivi e negativi, per i quali le precedenti norme della presente Sezione non dispongono diversamente, concorrono a formare il reddito nell’esercizio di competenza”.

 

Ma che cosa è l’esercizio prima di tutto?

L’esercizio è il periodo che va dal 1.1 di ogni anno al 31.12.

Vi sono rare eccezioni ma in questa sede voglio privilegiare la massima semplicità.

 

E che cosa è la competenza?

La competenza è il principio fondamentale per la determinazione del reddito di impresa al quale è dedicato questo post.

La parola chiave è COMPETENZA

Quando un ricavo è di competenza e quindi va dichiarato?

Ai fini della determinazione dell’esercizio di competenza la norma prevede:

a) i corrispettivi delle cessioni si considerano conseguiti, e le spese di acquisizione dei beni si considerano sostenute, alla data della consegna o spedizione per i beni mobili e della stipulazione dell’atto per gli immobili e per le aziende, ovvero, se diversa e successiva, alla data in cui si verifica l’effetto traslativo o costitutivo della proprieta’ o di altro diritto reale. Non si tiene conto delle clausole di riserva della proprieta’. La locazione con clausola di trasferimento della proprieta’ vincolante per ambedue le parti e’ assimilata alla vendita con riserva di proprieta’;

b) i corrispettivi delle prestazioni di servizi si considerano conseguiti, e le spese di acquisizione dei servizi si considerano sostenute, alla data in cui le prestazioni sono ultimate, ovvero, per quelle dipendenti da contratti di locazione, mutuo, assicurazione e altri contratti da cui derivano corrispettivi periodici, alla data di maturazione dei corrispettivi.

 

principio di competenza

 

In sintesi significa che i ricavi relativi a:

. vendita di immobili devono essere dichiarati nell’anno di stipula dell’ atto notarile di cessione;

. cessione di beni devono essere dichiarati nell’anno di consegna o spedizione;

. prestazione di servizi devono essere dichiarati nell’anno di ultimazione della prestazione.

 

Quando un costo è di competenza e quindi è deducibile?

I costi sono di competenza quando sono stati imputati i correlativi ricavi.

Per fare un esempio se vendo beni con consegna entro la fine dell’esercizio, speserò anche i costi che ho sostenuto per acquistarli o produrli; se i beni invece vengono consegnati nell’ esercizio successivo anche i costi, nonostante siano stati sostenuti anticipatamente, dovranno essere rinviati all’ esercizio successivo.

La regola è che i costi devono sempre seguire i ricavi di riferimento.

 

Il principio di cassa

Al principio di competenza si contrappone il principio di cassa che si applica per la determinazione del reddito di lavoro autonomo (professionisti) e che fa riferimento ai movimenti finanziari.

Un ricavo incassato va dichiarato indipendentemente dall’anno di effettuazione della prestazione, così come un costo pagato va dedotto indipendentemente dalla correlazione con i ricavi.

Vi sono delle eccezioni in entrambi i casi ma le vedremo volta per volta quando andremo ad analizzare le singole voci nei prossimi post.

Lo scopo di questo post è solamente di farvi comprendere il concetto di competenza.

Lo so non è facile, vi faccio un ulteriore esempio.

Mario Rossi, imprenditore, paga in data 20 settembre un premio assicurativo relativo alla sua attività di impresa con scadenza annuale, quindi il periodo va dal 20/9/2015 al 20/9/2016.

In base al principio di COMPETENZA nell’anno 2015 Rossi non può dedurre tutto il costo, ma solo quello relativo al periodo 20/9 – 31/12, perché è quello riferito all’anno 2015.

Se invece Rossi fosse stato un professionista avrebbe applicato il Principio di CASSA, deducendo nel 2015 tutto il costo, in quanto pagato.

 

principio di cassa 

 

Semplificazioni per imprese minori

Dal 2011 è stata introdotta una semplificazione per le imprese in contabilità semplificata. E’ prevista la possibilità, in deroga al principio di competenza, di dedurre i costi relativi a contratti con corrispettivi periodici, comuni a due esercizi e di ammontare non superiore a 1.000 euro senza effettuare la ripartizione sui due esercizi ma seguendo la registrazione iva.

Lo scopo è quello di evitare conteggi di ratei e risconti (ripartire gas, luce, assicurazioni, interessi su finanziamenti, manutenzioni periodiche su due esercizi di riferimento) per cifre modeste.

Quindi, in questi casi, si può scegliere di non applicare il principio di competenza e dedurre semplicemente tutto il costo nell’ anno di registrazione.

 

Ho terminato questo primo post di carattere generale.

Mi farebbe piacere se nei commenti mi diceste se è tutto chiaro oppure se desiderate maggiori spiegazioni e quali sono gli argomenti fiscali (costi auto, leasing, spese di pubblicità per esempio) che vorreste fossero approfonditi nelle prossime puntate.

 

A presto con easyfisco,

 

Mirna

Visualizza il profilo di Mirna Pioli su LinkedIn

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di risposte riservate e competenti ai tuoi quesiti?

La commercialista risponde online

SCOPRI DI PIÙ

Hai bisogno di risposte riservate e competenti ai tuoi quesiti?

La commercialista risponde online

SCOPRI DI PIÙ