Il voucher digitalizzazione un contributo per le imprese che crescono

voucher digitalizzazione

 

In questo post ti propongo una sintesi riguardante il voucher digitalizzazione, il contributo che favorisce la digitalizzazione delle aziende italiane, per permetterti di valutare se la tua impresa può essere interessata alla presentazione della domanda

 

I SOGGETTI BENEFICIARI DEL VOUCHER DIGITALIZZAZIONE

Micro, piccole, medie imprese, con sede legale/unità locale in Italia, iscritte al Registro delle Imprese, operanti in tutti i settori di attività ad eccezione del settore della produzione primaria di prodotti agricoli e della pesca e acquacoltura, costituite in qualsiasi forma giuridica e a prescindere dal regime contabile adottato.

 

LE SPESE AGEVOLABILI

Le spese ammissibili devono essere riferite all’acquisto di software, hardware o servizi che consentano il raggiungimento delle seguenti finalità:
a) miglioramento dell’efficienza aziendale;
b) modernizzazione dell’organizzazione del lavoro;
c) sviluppo di soluzioni di e-commerce;
d) connettività a banda larga e ultralarga;
e) collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare;
f) formazione qualificata nel campo ICT del personale.

Sono escluse dalle agevolazioni le spese relative a (a titolo esemplificativo e non esaustivo):
• beni e/o servizi non strettamente finalizzati al raggiungimento delle finalità previste dal decreto 23 settembre 2014;
• beni non nuovi di fabbrica (beni usati e beni rigenerati);
• beni che costituiscono una mera sostituzione di quelli già esistenti in azienda ovvero, nel caso delle licenze d’uso dei software, un rinnovo di programmi già in uso;
• soluzioni software non iscrivibili in bilancio tra le immobilizzazioni immateriali;
• servizi di consulenza specialistica continuativi o periodici o che comportano costi di esercizio ordinari dell’impresa in quanto connessi ad attività regolari quali, a titolo esemplificativo, la consulenza fiscale, la consulenza legale o la pubblicità;
• servizi di consulenza e/o formazione erogati, anche parzialmente, in un periodo diverso da quello di svolgimento del progetto;
• canoni di abbonamento relativi a servizi informatici e software, inclusi quelli relativi all’assistenza, all’aggiornamento dei programmi informatici nonché a soluzioni Software as a Service – SaaS;
• canoni di noleggio di attrezzature informatiche;
• beni e/o servizi resi a titolo di prestazione occasionale;
• commesse interne all’azienda;
• materiali di consumo;
• imposte e tasse di qualsiasi genere, compresa l’IVA;
• canoni di leasing.

 

AMMONTARE DEL VOUCHER DIGITALIZZAZIONE

L’agevolazione, sotto forma di contributo, è pari al 50% dell’investimento, per un massimo di 10.000,00 euro.
Se, ad esempio, la spesa complessiva è di 15.000,00 euro, il voucher sarà di 7.500,00 euro; se la spesa è di 25.000,00 euro il voucher sarà di 10.000,00 euro.
Lo stanziamento dei fondi è su base regionale, nel caso in cui l’importo complessivo dei voucher richiesti dalle imprese, risulti superiore all’ammontare delle risorse disponibili, il Ministero procede al riparto delle risorse in proporzione alle richieste effettuate dalle singole imprese.

 

I TEMPI DEL VOUCHER DIGITALIZZAZIONE

Sono previsti due tempi:
1. invio della domanda, al quale segue un provvedimento cumulativo di prenotazione dei voucher;
2. richiesta di erogazione per ottenere l’assegnazione definitiva dell’agevolazione, previa verifica della documentazione.

Le spese devono essere sostenute successivamente alla pubblicazione del provvedimento cumulativo di prenotazione dei voucher e l’intero progetto deve essere ultimato entro 6 mesi dalla pubblicazione stessa.

 

IL TERMINE PER LE DOMANDE

Le domande devono essere presentate esclusivamente tramite la procedura informatica accessibile nella sezione “Voucher digitalizzazione”del sito web del Ministero,

a partire dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2018 e fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018 (prorogato al 12 febbraio 2018)

La domanda va compilata previa identificazione e autenticazione tramite la Carta nazionale dei servizi, da parte del legale rappresentante dell’impresa, o di altro soggetto delegato all’interno della sua organizzazione.
Il compilatore deve possedere la Carta nazionale dei servizi e l’impresa deve avere un indirizzo PEC attivo e comunicato al Registro delle Imprese.
La compilazione della domande può iniziare a partire dalle ore 10.00 del 15 gennaio 2018.
Non è previsto un ordine cronologico, tutte le domande presentate dal 30 gennaio al 12 di febbraio si considerano pervenute nello stesso momento.

Ulteriori dettagli alle faq domande e risposte frequenti 

 

Spero che questo post sia stato interessante e utile per la tua impresa.

Hai necessità di valutare se ti spetta il voucher digitalizzazione oppure hai bisogno di aiuto per la compilazione della domanda?

Contattami cliccando qui oppure prenota la tua consulenza online

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Doublentry di Mirna Pioli 

Negli ultimi anni ho aiutato molte imprese a crescere.

Iscriviti GRATIS e ricevi subito e-book e Newsletter mensile con contenuti premium via email.

Inizia ora a fare crescere la tua impresa.