La solidità patrimoniale della tua azienda

solidità patrimoniale

 

Nel post precedente ti ho parlato dell’equilibrio finanziario e dei quattro indici di liquidità.

Ora passiamo agli indici di solidità patrimoniale o di struttura patrimoniale.

Ti ricordi lo schema di Stato Patrimoniale riclassificato?

 

Stato Patrimoniale riclassificato

Disponibilità liquide correnti Passività correnti
Disponibilità liquide differite Passività a medio-lungo termine
Rimanenze  
Immobilizzazioni Mezzi propri
   
Totale Impieghi Totale Fonti
Il contenuto delle varie voci

Disponibilità liquide e correnti = il denaro liquido e i valori ad esso assimilabili;

Disponibilità liquide differite = i crediti esigibili entro 12 mesi;

Rimanenze = le materie prime, semilavorati, prodotti finiti, merci in magazzino;

Immobilizzazioni = i crediti esigibili oltre i 12 mesi, i beni materiali ammortizzabili per esempio l’arredamento, i computer, i macchinari specifici, gli autocarri, i beni immateriali ammortizzabili come i diritti, i brevetti e i marchi;

Passività correnti = i debiti scadenti entro 12 mesi;

Passività a medio-lungo termine = i debiti con scadenza oltre i 12 mesi;

Mezzi propri= capitale apportato dall’imprenditore o dai soci, liquidità lasciate nell’azienda attraverso la rinuncia al prelievo degli utili conseguiti.

La parte in rosso si riferisce a Impieghi e Fonti nel breve termine, entro i 12 mesi.

La parte in blu invece a Impieghi e Fonti a medio-lungo termine, oltre i 12 mesi.

Gli indici di solidità patrimoniale

Consentono di verificare se la struttura finanziaria e patrimoniale dell’azienda è solida o se invece necessita di qualche correttivo.

Il margine di struttura

Margine di struttura = Mezzi propriImmobilizzazioni

Il risultato è in euro. Se è maggiore di zero le immobilizzazioni sono state finanziate interamente con mezzi propri; se è inferiore a zero le immobilizzazioni sono state finanziate anche con il ricorso all’indebitamento.

L’indice di copertura delle immobilizzazioni

Indice di copertura delle immobilizzazioni = Mezzi propri/Immobilizzazioni

È una divisione e il risultato è un numero. Se è maggiore di 0,7 significa che c’è una buona solidità; se è tra 0,50 e 0,70 significa che la solidità è un po’ scarsa; se è inferiore a 0,33 l’azienda è sbilanciata.

L’indice di autonomia finanziaria

Indice di autonomia finanziaria = Mezzi di terzi (Passività correnti + Passività a medio-lungo termine)/Mezzi propri

È una divisione o il risultato è un numero. Se è tra 0 e 0,5 la struttura finanziaria è positiva; tra 0,5 e 0,8 ancora discreta; tra 0,8 e 2 evidenzia squilibri da correggere; oltre 2 pesanti squilibri.

Il rapporto di indebitamento in percentuale

Rapporto di indebitamento = Mezzi di terzi (Passività correnti + Passività a medio-lungo termine)/Totale Fonti (Passività correnti + Passività a medio-lungo termine + Mezzi propri) x 100

Il risultato è una %. Fino al 30% significa che la struttura finanziaria è buona; dal 30% al 50% sufficiente; dal 50 al 70% tendente allo squilibrio; oltre il 70% esprime squilibrio finanziario.

 

leva finanziaria

La leva finanziaria o leverage

Leva finanziaria = Totale Impieghi (Disponibilità liquide correnti + Disponibilità liquide differite + Rimanenze + Immobilizzazioni) /Mezzi Propri

È una divisione e il risultato è un numero. Se è pari a 1 significa che l’azienda non ha debiti; se è tra 1 e 2 significa che il capitale proprio è superiore all’indebitamento; se è maggiore di 2 significa che l’indebitamento è superiore al capitale proprio; se è maggiore di 3 l’impresa è da considerarsi sottocapitalizzata.

Ma del leverage ne riparleremo ancora  quando passeremo agli indici di redditività.

Ed ecco la consueta sintesi del post. Ciò che veramente ti devi ricordare.

È necessario che ci sia sempre equilibrio tra i mezzi propri (il denaro investito nell’azienda) e i debiti.

Questi indicatori vanno sempre valutati in un arco temporale, in modo da comprendere se la situazione sta migliorando o peggiorando.

Più l’indebitamento è elevato, più l’impresa è considerata rischiosa e, logicamente, dovrà corrispondere anche maggiori oneri finanziari.

Fino a che punto conviene indebitarsi?

Questo è un discorso abbastanza complesso che vedremo quando analizzeremo anche gli indici di redditività.

In ogni caso bisogna evitare la sottocapitalizzazione, l’eccesso di finanziamenti di terzi rispetto al capitale proprio.

Ho terminato, scrivi i tuoi commenti.

Se pensi di avere bisogno della mia consulenza contattami qui, riceverai un consiglio gratuito e il preventivo della consulenza specifica e utile per te 

 

 

Ti potrebbero interessare:

. L’equilibrio finanziario della tua azienda

. Il Bilancino di Verifica

. Il Punto di Equilibrio

. Il Fattore emotivo del Business Plan

. I Beni materiali ammortizzabili

. I Beni immateriali ammortizzabili

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pensi di avere bisogno di una consulenza online?

Prenota la consulenza più adatta
alle tue esigenze

CLICCA QUI

Pensi di avere bisogno di una consulenza online?

Prenota la consulenza più adatta alle tue esigenze

CLICCA QUI