Le novità relative alla compensazione dei crediti tributari

crediti tributari

 

La manovra correttiva DL n. 50/2017 ha introdotto due novità che riguardano l’utilizzo in compensazione dei crediti tributari.

Che cosa significa utilizzo in compensazione dei crediti tributari?

Quando compili il Modello F24, la delega di pagamento unificata delle imposte, ti può capitare di avere dei crediti da compensare.

Per esempio, se devi versare 2.000,00 euro di IRPEF e sei a credito di IVA per 800,00 euro, puoi evidenziare nel Modello F24 debito e credito e versare direttamente la differenza di 1.200,00 euro.

 

Prima novità: obbligo di utilizzo canale Entratel per le compensazioni di crediti tributari di qualsiasi importo

Fino al 24.4.2017 per i titolari di partita IVA era obbligatorio l’utilizzo del canale Entratel per le compensazioni di  crediti superiori a 5.000,00 euro, mentre per le compensazioni di cifre inferiori si potevano utilizzare indifferentemente Entratel o i servizi bancari.

A decorrere dal 24.4.2017 per i titolari di partita Iva è obbligatorio l’utilizzo del canale Entratel nel caso in cui il modello F24 contenga una compensazione tra uno o più debiti e uno o più crediti, a prescindere dall’importo del credito da compensare.
Non è più utilizzabile il circuito interbancario Cbi, neppure nella modalità home banking.

Questa modifica comporta che tutti i titolari di partita IVA, per potere presentare deleghe che contengono una compensazione, anche di minimo importo, se non lo hanno già fatto, devono prioritariamente accedere al servizio Entratel, ottenere il codice Pin e poi far transitare da questo canale i pagamenti dei modelli F24.

Le possibili casistiche dopo la modifica

. Modello F24 a debito senza alcuna compensazione: servizi telematici delle Entrate (Entratel/Fisconline) o bancari (remote/home banking)

. Modello F24 con saldo a zero per compensazione: servizi telematici delle Entrate (Entratel/Fisconline)

. Modello F24 a debito con compensazione di crediti IRPEF, IVA, IRES, IRAP, addizionali, ritenute alla fonte, imposte sostitutive, crediti di imposta da indicare nel quadro RU: servizi telematici delle Entrate (Entratel/Fisconline)

Decorrenza e controlli

Per quanto riguarda la decorrenza la risoluzione 57/E/2017  ha chiarito che il controllo in merito all’utilizzo obbligatorio dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate inizierà solo dal 1° giugno 2017.

 

Seconda novità: obbligo di visto di conformità per crediti tributari superiori a 5.000 euro

È stato abbassato da 15.000,00 euro a 5.000,00 euro il limite annuale di utilizzo del credito tributario che richiede il visto di conformità da parte di un professionista abilitato.

Diventa quindi ancora più importante per tutte le imprese farsi seguire da un commercialista che abbia l’abilitazione ad apporre il visto di conformità sulle dichiarazioni fiscali. In caso contrario sarà impossibile compensare crediti superiori a 5.000 euro.

Tieni presente che i professionisti abilitati, oltre a possedere specifici requisiti professionali e morali, hanno anche stipulato una polizza assicurativa che ti mette al riparo da ogni tipo di inconveniente. Scegli di farti assistere da un commercialista abilitato al visto e se vuoi verificare un nominativo lo puoi fare a questo link: Verifica professionisti abilitati al visto di conformità.

Le possibili casistiche dopo la modifica

. utilizzo annuo in compensazione di crediti scaturenti da dichiarazione fiscale fino a 5.000,00 euro è libero (senza visto);

. utilizzo annuo in compensazione di crediti scaturenti da dichiarazione fiscale superiori a 5.000,00 euro necessità del visto di conformità da professionista abilitato.

Decorrenza 

La risoluzione 57/E/2017 ha stabilito che per le dichiarazioni già presentate entro il 23 aprile 2017 resta applicabile il precedente limite di 15.000,00 euro. Il nuovo limite di 5.000,00 euro che impone il visto di conformità è applicabile a tutte le dichiarazioni presentate dal 24 aprile 2017 in poi.

 

Spero di esserti stata di aiuto, se hai un dubbio scrivilo nei commenti, se invece mi vuoi contattare direttamente per una consulenza, segui il link consulenza online o consulenza in studio.

Al prossimo post di #easyfisco.

Mirna

Visualizza il profilo di Mirna Pioli su LinkedIn

 

2 Comments

  1. elena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di risposte riservate e competenti ai tuoi quesiti?

La commercialista risponde online

<<<<SCOPRI DI PIÙ>>>>

Hai bisogno di risposte riservate e competenti ai tuoi quesiti?

La commercialista risponde online

<<<<SCOPRI DI PIÙ>>>>