Voglia di gentilezza

Serve gente povera, furba e affamata: gente senza sentimenti

Lo spietato finanziere Gordon Gekko dal film cult Wall Street.

 

 

Senza sentimenti

Quando sono entrata nel mondo del lavoro, alla fine degli anni ’80, al cinema spopolavano Gordon Gekko, magistralmente interpretato dal premio Oscar Michael Douglas e la coppia femminile Griffith – Weaver di Una Donna in Carriera.

Quelli erano i modelli di riferimento. Pochi scrupoli e tanta ambizione. Bisognava scavalcare tutti gli ostacoli, qualunque essi fossero. E calpestare senza porsi problemi.

Per almeno un decennio, Gekko è stato l’icona del Rampantismo, simbolo di tutto quello che non si doveva essere ma si desiderava diventare.

 

Gordon_Gekko

 

Ha reso affascinante l’avidità ed era talmente e irresistibilmente cattivo che il pubblico stava dalla sua parte.

E in tanti lo hanno imitato. In troppi.

Più Avere che Essere. Anzi meglio Essere per Avere.

 

L’avidità è giusta, l’avidità funziona, l’avidità chiarifica

 

 

“L’avidità, non trovo una parola migliore, è valida, l’avidità è giusta, l’avidità funziona, l’avidità chiarifica, penetra e cattura l’essenza dello spirito evolutivo. L’avidità in tutte le sue forme: l’avidità di vita, di amore, di sapere, di denaro, ha impostato lo slancio in avanti di tutta l’umanità.”

L’avidità come motore primo dello sviluppo umano.

 

La generazione del tre niente: niente lavoro, niente reddito, niente risorse

Nel sequel Wall Street – Il denaro non dorme mai, un ventennio dopo, Gekko ci ammonisce lapidariamente sulla attuale generazione che ha barattato i valori col potere.

 

Gordon_Gekko_anziano

 

“Siete nella cacca fino alle orecchie… Ancora non ve ne rendete conto, ma siete… La generazione del tre niente: niente lavoro, niente reddito, niente risorse. Davvero un gran bel futuro…

Ah, qualcuno mi ha ricordato, qualche sera fa, che una volta ho detto: l’avidità è giusta. A quanto pare è diventata legge… Perché vedete, è l’avidità che spinge il mio amico barista a comprare tre case – che non può permettersi – senza dare l’anticipo. Ed è l’avidità che spinge i vostri genitori a chiedere un mutuo di duecentocinquantamila dollari sulla casa, che ne vale duecento, e con quei cinquanta correre al centro commerciale a… a comprare la tv al plasma, l’ultimo cellulare, il computer e già che ci sono anche un suv e perché non anche la seconda casa, in effetti conviene.

Gekko dice poi che non sono i soldi la cosa più importante ma il tempo.

Si ritrova solo e vorrebbe ricostruire un rapporto con la figlia.

 

Gordon_Gekko e figlia

 

Lui ha avuto tanto tempo da dedicare alla figlia, ma ha scelto l’Avidità.

Una brutta favola, dove l’anima viene venduta a Belzebù e il cui castello, Wall Street, è crollato.

 

Passiamo ora a un’altra favola.

Sii gentile e abbi coraggio

“Voglio confidarti un segreto che ti aiuterà ad affrontare le prove a cui la vita vorrà sottoporti: sii gentile e abbi coraggio.”

La mamma di Cenerentola in punto di morte.

Lei ha avuto pochissimo tempo da dedicare alla figlia e le ha donato la Gentilezza.

 

Cenerentola_povera

 

Gentilezza e Coraggio, questo è il messaggio del film Cenerentola nella recente versione di Kenneth Branagh.

Un messaggio controcorrente rispetto alla cultura dominante che indica la prepotenza e il cinismo come qualità per emergere e ottenere il successo materiale.

La gentilezza e il coraggio mettono in ginocchio l’arroganza, l’aggressività e l’invidia ben rappresentate dalla matrigna (non ricorda Gekko e la sua smania di potere?), che, come Cenerentola, ha avuto un passato infelice in cui tutti i sogni si sono sempre infranti.

Entrambe hanno sofferto, ma hanno scelto di reagire alla sofferenza in modo diverso.

In modo opposto.

 

Gentilezza

 

La gentilezza richiede coraggio

Scegliere la Gentilezza, in un mondo che l’ha dimenticata, è un atto di grande coraggio.

E’ molto più semplice rimuovere i sentimenti e oserei dire la coscienza.

La gentilezza, spesso scambiata per debolezza, ha a che fare con la forza.

La Gentilezza:

  • si impara
  • presuppone sincerità e fiducia
  • è il primo passo nelle relazioni
  • presuppone generosità
  • conviene
  • smonta l’aggressività altrui
  • conferisce autorevolezza
  • ci fa stare bene e ci rende più belli
  • presuppone empatia
  • esclude la volgarità e la maleducazione

 

Cenerentola_abito_azzurro

 

LA GENTILEZZA È UN POTERE

Non ci rendiamo conto dello straordinario potere della gentilezza.

In America, è considerato un soft power.

La gentilezza dei fatti concreti, non quella di facciata.

La gentilezza vera che disarma, quella che fa cadere le resistenze e i pregiudizi, quella che schiude le porte.

 

Cenerentola_al_ballo

 

La gentilezza di quelle persone che cercano semplicemente di fare la cosa giusta.

Gli inguaribili entusiasti e sognatori, quelli che sanno che le favole vanno prese sul serio, quelli che non si rassegnano mai.

Io non ho dubbi:
scelgo l’Avidità di Gentilezza.

E anche Voi …

 

Mirna

 

 

 Dove c’è Gentilezza c’è Magia

 

 

 

 

2 Comments

  1. Paolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *